L’Analisi della bolletta elettrica tramite lo sportello SOS Energia

Lo Sportello SOS Energia Confartigianato Padova è a disposizione dell’ambito privato e delle imprese artigiane del territorio padovano.

Puoi rivolgerti allo sportello per:

  • l’attivazione, il subentro o la cessazione (o passaggio a domestico) di un contratto di fornitura di gas ed elettricità;
  • per il cambio di voltura, ovvero dell’intestazione di un contratto di fornitura;
  • per attivare una variazioni di potenza elettrica o di portata del gas
  • per gestire le pratiche per l’accisa (tariffa) ridotta per la fornitura di gas a uso industriale;
  • presentare la documentazione per ottenere l’IVA agevolata sui consumi elettrici e di gas;
  • moduli bancarie per registrarsi nella SEPA (Single Euro Payments Area);
  • gestione di eventuali Reclami e della Conciliazione ExtraGiudiziale con l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA).

Lo Sportello gestisce circa 1200 Aziende in fornitura con il CAEM (Consorzio Acquisti Energia e Multiutility) e 1000 famiglie che hanno attivato la convenzione con AIM Energy.

Lo Sportello SOS Energia effettua 200 visite all’anno di tipo tecnico-conoscitivo nelle aziende del territorio. Più della metà degli imprenditori e delle imprenditrici a capo di queste imprese ha scelto poi di tesserarsi a Confartigianato per ottenere i benefici di far parte di una rete di professionisti con le stesse esigenze.

Se hai bisogno di noi per l’invio di bollette, di ricevere aggiornamenti sulle offerte, o per richiedere supporto tecnico, assistenza per presentare un reclamo e una conciliazione con l’ARERA, scrivici a energia@upa.padova.it.

Ti serve una consulenza? Contattaci.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

Notizie ed eventi

Emissioni in atmosfera: scadenza del 28 agosto 2021

Importante avviso per le aziende in possesso di autorizzazione alle emissioni in atmosfera

Bolletta elettrica: cosa cambia per le imprese dal primo luglio 2021

Tutte le micro e piccole imprese devono abbandonare il mercato di tutela