Aprire un’attività alimentare

Un’attività alimentare artigiana ha tendenzialmente due caratteristiche: la produzione e/o lavorazione di alimenti e cibi (non ci si può rifornire da terzi) e il luogo di produzione che coincide con quello della vendita (o locale annesso).

Tra le imprese che rientrano in questa definizione ci sono per esempio: panifici, pasticcerie, gelaterie, pastifici, pizzerie per asporto e gastronomie.

Per avviare un’impresa alimentare ci vogliono amore per la cucina e grinta imprenditoriale, ma anche conoscenza del percorso burocratico.

Nelle prime fasi è fondamentale richiedere il supporto di persone esperte e inserirsi in una rete di professionisti, come quella che abbiamo costruito in Confartigianato.

Aprire una pasticceria o un panificio

Prendiamo ad esempio il caso di pasticcerie e panifici, tenendo presente che le indicazioni sono valide anche per le altre attività alimentari.  In sintesi per iniziare l’attività è necessario:

  • La verifica dei requisiti professionali (se richiesti)
  • La verifica dei requisiti dei locali in cui si eserciterà la professione
  • L’apertura della Partita Iva e della PEC (Posta Elettronica Certificata)
  • L’iscrizione alla sezione artigiana di INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) e INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro)
  • L’invio della SCIA (Segnalazione di Inizio Attività) da presentare presso lo SUAP  di riferimento (Sportello Unico delle Attività Produttive)
  • Registrazione sanitaria in ASL
  • Le certificazioni necessarie per la lavorazione degli alimenti

Gli esperti di Confartigianato ti supportano nella preparazione di tutti i documenti necessari per attivare e portare a buon fine le pratiche.

Leggi più dettagli sul settore

Aprire una pasticceria o un panificio: i costi

Avere un budget di partenza è essenziale: le spese da mettere in conto variano da quelle per la documentazione burocratica a quelle per sostenere gli investimenti.

Nel piano delle uscite occorre considerare:

  • l’acquisto o l’affitto del locale
  • le utenze
  • le attrezzature e gli arredi
  • i materiali di consumo (come per esempio i contenitori d’asporto)
  • la fornitura di prodotti freschi
  • le paghe di eventuali collaboratori
  • la promozione per il lancio dell’attività

Per coprire alcune di queste spese, c’è la possibilità di ottenere finanziamenti da fondi europei o regionali

Cosa Confartigianato può fare per te

Siamo Confartigianato imprese Padova e siamo accanto alle persone che hanno l’obiettivo di aprire un’attività in ambito alimentare. Forniamo supporto per tutte le questioni burocratiche e fiscali e una consulenza attenta per ottenere prestiti e finanziamenti agevolati.

Chiudi

Ti serve una consulenza? Contattaci.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Referente categoria: Matteo Negri

Paolo Bertelli

Maurizio Mazzari

Notizie e approfondimenti

Consultazione UE: Un sistema alimentare sostenibile

Compila il questionario, il tuo parere può fare la differenza!

NutrInform Battery

La proposta italiana per un nuovo sistema di etichettatura nutrizionale

Rinnovato il CCRL del settore alimentazione

Bertelli: “In un momento difficile, rafforziamo il legame con il nostro bene più prezioso, i nostri collaboratori”.

Produzione lattiero-casearia

Dal 1° luglio 2'22 vige l'obbligo di registrazione

Real Italian Wine & Food

Evento in programma a Londra il 14 luglio 2022

Destinazioni artigiane – Lungo le vie del Brenta

Lanciato il nuovo progetto di turismo esperienziale per l'alta Padovana