Aprire un’attività di tatuaggio e piercing: i requisiti e le pratiche da ottemperare

Per esercitare l’attività di tatuaggio e piercing, è necessario:

  • Conseguire l’idoneità soggettiva con la frequenza di un corso previsto dalla Regione realizzato conformemente alle indicazioni contenute nelle “Linee guida del Ministero della Sanità per l’esecuzione di procedure di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza”
  • L’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio locale
  • L’apertura di un indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata)
  • L’iscrizione all’albo delle Imprese Artigiane se il titolare partecipante è in possesso del requisito tecnico professionale
  • l’iscrizione all’INPS (Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale)
  • l’iscrizione all’INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) a fini assicurativi
  • l’autorizzazione sanitaria della ASL 
  • la SCIA (Segnalazione di Inizio Attività) da presentare allo SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) del proprio Comune
  • l’autorizzazione all’esposizione di un’insegna o una targa

Normativa di riferimento:
– Circolare Ministero della Sanità 5.02.98
– D.G.R.V. n. 9 del 9.01.2013

Ti serve una consulenza? Contattaci.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Beatrice Daniele

Ennio Mazzon

Notizie e approfondimenti

Nuove opportunità formative per il settore benessere

Al via i corsi di abilitazione e i corsi per la crescita personale e aziendale

Emergenza idrica

Acconciatori ed estetisti di Confartigianato riducono i consumi grazie al progetto Green Beauty

Evento – Green Fashion Lab

Il 5 luglio evento per il settore moda e benessere presso Centro San Gaetano

Green Beauty: La bellezza della sostenibilità

Scopri come diventare un salone sostenibile

Ulteriori chiarimenti su mascherine

Indicazioni sull'applicazione dei Protocolli aziendali anticontagio nelle aziende

Campagna nazionale contro l’abusivismo

1 milione di abusivi minacciano 710.000 imprenditori. Al via campagna nazionale anti-abusivismo